Diario

Settimana 13: evviva il giardinaggio

Prosegue il mio diario settimanale ricamato (per chi non sapesse cosa sto facendo e perché, qui c’è la spiegazione).

Il giardinaggio può essere un toccasana, quando la stanchezza mentale si fa sentire. La stanchezza fisica è una stanchezza buona, che poi con una dormita va tutto a posto, e in più ti regala la soddisfazione di vedere i frutti del tuo lavoro: un prato ben tagliato, una siepe potata, le prime fioriture primaverili.

Nel fazzoletto di terra dietro alla cucina, dove una volta coltivavo il mio micro-orto, ora ho girato e spianato la terra, seminato un po’ di erba e piantato un bell’acero giapponese. Curare l’orto nelle calde e umide serate lomelline, con l’aiuto di tante zanzare volenterose, non è più un passatempo divertente… ho preferito mettere in ordine questo angolino e, viste le dimensioni, l’acero giapponese è la pianta ideale (oltre a ricordarmi la casa natìa).

Così, questa settimana, all’ultimo minuto, ho preso due colori e mi sono lanciata, una volta di più, a mano libera.

Settimana 13: l’acero giapponese

Dando un’occhiata a una foto su google, ho ricamato prima con un po’ di punti lanciati le nervature della foglia palmata, e poi ho aggiunto un po’ di dettagli.
Un po’ alla “valàchevaiben”, per così dire, ma sono soddisfatta del risultato, soprattutto tenendo conto che ci ho impiegato una mezz’oretta o poco più.

Settimana 13: l’acero giapponese